L’attore ( incipit di un’ipotesi -romanzo)

roberto1

Quando mi hanno chiamato per il primo film avevo ventiquattro anni ed ero fresco fresco di Actors Studio, avevo vissuto tra l’Italia e New York tutta la mia vita fino a quel momento, mio padre, italiano, insegnava alla Columbia University.

Che il regista italiano famoso scegliesse me, perfetto sconosciuto e quasi americano, lasciò una scia velenosa tra gli altri attori, poi però venne fuori che ero anche bravo, oltre che “belloccio”, come dicevano le truccatrici.

Oggi ho cinquantacinque anni, una moglie e una figlia in America, a New York, anzi, per meglio dire una ex-moglie, siamo divorziati da dieci anni ormai.

Sono sempre stato un timido introverso e il fare l’attore avrebbe dovuto essere un antidoto a questo mio stato emotivo, e così è poi stato, con mia enorme sorpresa. Fare l’attore mi ha trasformato, sono, col tempo, diventato quello che avrei voluto sempre essere, un estroverso, avevo trasformato il…

View original post 133 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...