Le parole degli altri (Rubrica a cura di Roberto Saporito)

cs

Charles Simmons “Le pieghe dei giorni”, (BUR, 2010)

“Spesso si portava dietro un libro. Il libro giusto al massimo del proprio potenziale sarebbe stato in grado di salvarlo dalla morte o gli avrebbe permesso di affrontarla senza panico o disperazione.” [Charles Simmons “Le pieghe dei giorni”]

“Invecchiando, penserà che trova buffe sempre meno cose perché ne capisce sempre di più.” [Charles Simmons “Le pieghe dei giorni”]

“Scrisse il suo primo romanzo grazie alla birra, bevendone una lattina dietro l’altra finché la scrittura non diventava confusa, di solito alla terza pagina, tra la quarta e la quinta lattina.” [Charles Simmons “Le pieghe dei giorni”]

“Un problema non risolto e risolvibile non è argomento di narrativa.” [Charles Simmons “Le pieghe dei giorni”]

“Voleva scrivere per fare affermazioni definitive; se la gente non era d’accordo con lui poteva riferirsi a quelle affermazioni, così lui non avrebbe dovuto ripetersi.” [Charles Simmons “Le pieghe dei giorni”]

View original post 59 altre parole

Annunci