Non so

Quello che stai aspettando è che arrivi Lorenza. Hai già ordinato da bere, una birra artigianale bionda ad alta gradazione, e hai già ordinato da bere, e tra l’altro qualcosa di molto alcolico, perché hai bisogno di scacciare questa forma di sottile ansia che ti attanaglia lo sterno e ti stringe la gola, a ben vedere neanche tanto sottile la tua forma d’ansia.

Sorseggi la birra, che è molto buona, lievemente aromatica, dai toni contrastanti tra il secco e il lievemente dolce, ma il tutto armonioso.

Sei seduto a un tavolino all’aperto che dà sulla piazza chiusa al traffico automobilistico. C’è poca gente nel bar, dei tanti tavolini solo altri due sono occupati: due donne intorno ai cinquanta che parlano sottovoce e sorridono spesso e un tipo con la pipa e i baffi che legge il giornale davanti a un caffè e un bicchiere d’acqua.

Sei qui perché Lorenza ti…

View original post 689 altre parole

Come una barca sul cemento

// Giusy Capone Blog 🙂

Lei osserva: “Il passato, complice la bugia della propria memoria, spesso è mitico, grandioso, al limite del mitologico, ma è anche solo consolatorio, specialmente nel caso che fosse veramente bugiardo: spesso ci si ricorda di quel che si vuole, scartando, magari, chirurgicamente tutte quelle parti, non piacevoli, non interessanti, magari perfino sgradevoli. In base a questi canoni il passato non è mai molesto, o amaro, o increscioso, ma al contrario è sempre gradevole, spesso incantevole.” E’ il potere contorto della mente e come lo usa il protagonista del suo romanzo?

Il protagonista del romanzo parte da qualcosa che dovrebbe per definizione essere finito, cioè il passato, qualcosa di remoto, lontano nel tempo, e con un’operazione, se vogliamo anche ambigua e nostalgica e inquieta della mente, tenta di attualizzarlo, tenta di trasformarlo in un malato tempo presente e attua tutto questo per poter sopravvivere in un oggi che lo…

View original post 721 altre parole

Roberto Saporito, scrittore post -postmoderno

La cosa che amo di più dei personaggi dei romanzi di Roberto Saporito è la completa disarmonia con la loro epoca, il loro malessere per il presente che sono costretti a vivere quasi come una condanna. Lo scrittore di Alba anche in Come una barca sul cemento (Arkadia, pagine 119, € 13,00) il suo nuovo romanzo uscito alla fine dello scorso anno, ci regala un altro disadattato che si muove a fatica nel disagio della propria esistenza. È un professore di letteratura americana del Novecento che insegna a Roma. Viene allontanato dal suo prestigioso incarico ed è costretto a dimettersi per uno scandalo sessuale. Lui ha il vizio di essere un predatore sessuale e non può fare a meno di portarsi a letto le sue studentesse. Lascia Roma e l’insegnamento e si ritrova a fare il guardiano di barche in una località marina della Toscana.

Da dove vengono le tue…

View original post 1.011 altre parole